Espressione e coscienza

Primo Congresso Internazionale di Scienza della Coscienza (Coscienziologia)

Un incontro per indagare le fondamentali domande: perché siamo consapevoli? da dove viene la consapevolezza? È creata dalla biologia o è di più e sopravvive alla morte biologica?

Dal 22/05/2015 al 24/05/2015

Perché siamo consapevoli? Da dove viene la consapevolezza? È creata dalla biologia o è di più e sopravvive alla morte biologica? Il paradigma materialistico predominante riduce la vita ad un effimero risultato del cervello, di per sé un incidente, frutto di mutazioni genetiche.
L’intelligenza artificiale, la fisica quantistica, le esperienze di premorte e di uscita lucida fuori dal corpo (OBE) sono temi oggi studiati in modo sistematico e aperto al pubblico, e suscitano interrogativi profondi che non possono più essere trascurati da uno studio razionale e scientifico.

Per sondare questi interrogativi, alcuni dei principali ricercatori che oggi si dedicano allo studio della coscienza si incontreranno tra il 22 e il 24 maggio 2015 al Campus di ricerca dell’Accademia internazionale di Coscienziologia IAC, situato nella regione portoghese dell’Alentejo, presso la città di Evora.

La International Academy of Consciousness (IAC) è da anni impegnata nella diffusione di un nuovo paradigma che permetta di studiare la coscienza in modo integrato, con tutti gli aspetti sottili, energetici, proiettivi che si verificano.
Come accade in varie scienze (biologia, zoologia, psicologia), la IAC propone per lo studio della coscienza la coscienziologia, una scienza non-riduzionista che si dedica allo studio della coscienza e vede ciascuno di noi come un principio di vita intelligente, cosciente, che si evolve e il cui mondo interno è meritevole di studio tanto quanto il mondo esterno, su cui si è focalizzata la scienza fino ad oggi.

Tra il 22 e il 24 maggio 2015 al Campus IAC si incontreranno ricercatori in rappresentanza di varie istituzioni e prospettive di investigazione, dalle esperienze di premorte agli effetti misurabili della volontà sui sistemi fisici, con un insieme di discipline accademiche quali la filosofia, la psicologia, la medicina, le neuroscienze, la fisica, la parapsicologia, la matematica, l’ingegneria, e altre ancora tra cui si elencano qui i principali:

  • Federico Faggin, PhD, fisico italiano, padre del microchip, una pietra miliare dell’era dell’informazione (USA, Federico and Elvia Faggin Foundation);
  • Ulisse di Corpo, PhD e Antonella Vannini, PhD (Italia, co-autori di Syntropy: The Energy of Life);
  • Massimiliano Sassoli de Bianchi, PhD, fisico quantistico  (Svizzera, autore di The Observer Effect: The Quantum Mystery Demystified);
  • Tom Campbell, (USA, autore di My Big TOE), studioso degli stati alterati di coscienza, consulente della NASA e uno dei primi collaboratori di Robert Monroe;
  • Olaf Blanke, PhD (Svizzera, École Polytechnique Fédérale de Lausanne), i cui studi di neuroscienza sulle out-of-body experience (OBE) hanno fatto notizia;
  • Brenda Dunne, ex manager del Princeton Engineering Anomalies Research Laboratory (USA, co-autore di Margins of Reality);
  • Wagner Alegretti, ingegnere e pioniere nello studio degli effetti dello stato vibrazionale sul cervello con risonanza magnetica funzionale (fMRI);
  • Nanci Trivellato, specialista in tecniche di formazione e rilevazione del campo energetico o chi (IAC, Portogallo).

Per ISCRIZIONE
http://icc.iacworld.org
e-mail: IAC.conferences@iacworld.org
tel. +351 268 959 148

Per conoscere la IAC, le sue ricerche ed attività educative: http://www.iacworld.org.
Sede Congresso:
Campus IAC
N18, Km 236
Herdade da Marmeleira
7100-300 Estremoz, Portogallo
Per intervistare i ricercatori della IAC e ulteriori informazioni: milano@iacworld.org, cell. +39 3774140100.

Mercoledì 18 Marzo, sempre tra le 21.30-22, saremo mentalmente insieme, come coscienza unificata.

 

Espressione e coscienzaultima modifica: 2015-03-16T21:17:47+00:00da ultrainternet
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento